Vota questo articolo
(2 Voti)

CONTO TERMICO 2.0

Finalmente ti sei deciso a fare il grande passo:
vuoi cambiare la tua vecchia stufa con una nuova che, oltre a farti risparmiare parecchio sul riscaldamento, valorizza lo stile della tua abitazione arredandola e riduce al minimo le emissioni nell’atmosfera.
E, dopo aver scelto il modello che più ti piace, e risponde perfettamente alle tue esigenze, sei pronto per procedere all’acquisto.

Tieniti forte perché stai per ricevere una buona notizia:
se possiedi una stufa, una caldaia o un caminetto alimentati a biomassa, carbone, olio combustibile o gasolio allora puoi sostituirlo con una stufa a pellet o a legna, con una caldaia a pellet o legna, e con un termocamino a pellet. Grazie agli incentivi e alla maggiore efficienza, non ti costerà quasi nulla e ti garantirà un risparmio che dura nel tempo nel totale rispetto dell’ambiente.

Com’è possibile?
Grazie al Conto Termico 2.0.
Il Conto Termico 2.0 è la nuova versione, semplificata, del Conto Termico introdotto dal decreto 28/12/2012 per incentivare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Il nuovo Conto Termico 2.0, in vigore dal 31 maggio 2016, sostiene chi installa apparecchi di ultima generazione che garantiscono una riduzione delle emissioni in atmosfera e un maggior rendimento energetico.
Il Conto Termico 2.0 copre fino al 65% dei costi sostenuti per la sostituzione caldaia o di un vecchio generatore di calore (a biomassa, gasolio, olio combustibile o carbone) con un nuovo prodotto a biomassa (caldaia, stufa a pellet o a legna, termocamino a pellet).
Il contributo varia secondo: la potenza del nuovo apparecchio? Più alto è il rendimento, maggiore è il contributo le sue emissioni nell’atmosfera? Meno inquina, maggiore è il contributo la fascia climatica in cui viene installato? Dove fa più freddo il contributo è maggiore.

E poi della pratica ce ne occupiamo noi…

2221
Altro in questa categoria: